Come Cattelan nessuno mai

Italy is back in the game. Otto anni dopo la retrospettiva dedicata a Federico Fellini, un italiano torna al Guggenheim. Il Maurizio nazionale al “centro” della spirale dell’edificio di New York. Fino al 22 gennaio.

Maurizio Cattelan – La Rivoluzione siamo noi – 2000 – photo Attilio Maranzano

Ce l’hanno fatta: un bulletto di provincia e il suo universo scanzonato e dissacrante sono riusciti a riempire i 29 metri che misurano lo spazio tra la hall e il lucernario del salotto museale più influente di New York e del mondo.
Maurizio Cattelan
 (Padova, 1960; vive a New York) insieme alla curatrice della mostra, la vicedirettora del Guggenheim Nancy Spector, ha preso per la collottola tutte le sue opere (se ne è salvata soltanto una) per appenderle e lasciarle sospese fra le sette rampe a spirale del museo. Il risultato è un’installazione unica di 130 lavori, una retrospettiva a-temporale, di cui il pubblico con il naso all’insù o gli occhi in giù si trova a far parte. Coprendole una con l’altra, è unica e sensazionale la visibilità che l’artista veneto è riuscito a dare alle proprie opere.
L’esposizione condanna Maurizio Cattelan a diventare uno fra i più alti esponenti dell’arte di questo presente. Sulla questione, pochi i silenzi e gli applausi e ormai innumerevoli le frasi lapidarie quanto offensive. Ridicoloiniquo e, più di ogni altra cosa,scandaloso. Sono tante e fortemente indignate le critiche contro le opere e la notorietà di quest’artista da parte di profani dell’arte e addetti a lavori. Ma la definizione più laconica e cattiva viene proprio dallo stesso Cattelan, che ha avuto il candido quanto sfacciato coraggio di descriversi semplicemente come “un idiota senza idee”.

Maurizio Cattelan – All – veduta della mostra presso il Guggenheim Museum, New York 2011 – photo David Heald

È doveroso ricordare che chi si permette di considerare Maurizio Cattelan colpevole della realtà che riproduce, indecente nei prezzi e nelle opere, non si dovrebbe dimenticare che se lo scandalo rende, la colpa non può essere prima di tutto di chi lo vende. Perché il pianeta Cattelan è un posto che sa aspettare. Lentamente, mentre le quotazioni continuano inesorabilmente a crescere, sublimazioni concettuali sempre più serie e composte delle sue opere iconiche cominciano a imporsi nei dibattiti in maniera sottile e decisa.
Torniamo alla mostra? Torniamoci: nessuno finora si era permesso di lasciare l’intero spazio canonico del Guggenheim vuoto. Nel caos di funi che sorreggono i lavori appesi, trascende uno sguardo italiano fatto di bar, castelli di carte e biliardini, capace di guardare fuori il proprio presente e fotografarne i crolli, gli scandali e le immoralità.

Maurizio Cattelan – Untitled – 2001 – photo Attilio Maranzano

La mostra/installazione, avvolta in una religiosità che è quella cattolica, esibita con la perdita del senso della Croce e la caduta al tappeto del Vaticano, fra sculture che sono nate cavallo, ma che alla fine sono diventate qualcos’altro e un’infanzia perduta, come impiccata fra le metropoli del mondo, ritrovata dentro il ricordo di favole e giocattoli; per celebrare il Novecento ha scelto Hitler, J.F. Kennedy e Wojtyla; per celebrare se stesso ha scelto autoritratti più morti che vivi; asini che non ce la fanno a fare il proprio lavoro e, nel frattempo, non smettono di portare sulle loro spalle quello che gli propinano i medium di massa. Con l’Italia è crudele: di oggi ci dice che siamo la repubblica dei formaggini, di ieri con la coda di una cometa che parte dalla stella delle brigate rosse, ci annuncia che nel nostro Paese è successo davvero l’avvento e la morte del senso dello Stato.
E ancora: l’anonimato di morti senza volto, giustizia capovolta, una finanza mondiale capace di mutilare ogni valore e disvalore, l’assurdità del consumismo, un frigorifero, una bicicletta, Maurizio Cattelan che se la ride.

Da New York, Alessandro Berni

New York // fino al 22 gennaio 2012
Maurizio Cattelan – All

a cura di 
Nancy Spector
Catalogo Guggenheim/Skira
SOLOMON R. GUGGENHEIM MUSEUM
1071 Fifth Avenue (at 89th Street)
+1 212 423 3500

www.guggenheim.org

www.artribune.com/2011/11/come-cattelan-nessuno-mai/

Advertisements
This entry was posted in Artribune and tagged , , . Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s