I Magnifici 9 New York. Eccessi

Mentre i big di Chelsea sono in Laguna, spazio agli opening delle gallerie medio/piccole di New York. Alla ricerca dello Zeitgeist preferito di questo presente: esagerare.

Rosalind Solomon @ Bruce Silverstein

Rosalind Solomon @ Bruce Silverstein

La malattia che nessuno deve sapere. La Bruce Silverstein ospita una selezione di lavori fotografici di Rosalind Solomon dedicata all’Aids. Scatti fotografici del 1988, con delicatezza e quasi sussurrando, ricordano la presenza di questa affezione attraverso i ritratti di malati e dei loro cari. La mostra è già stata presentata 25 anni fa e sorprende per il significato storico che assume oggi attraverso i lavori esposti, che, svuotati del sensazionalismo che l’argomento significava un quarto di secolo fa, spicca soprattutto per commozione umana e valore documentaristico.  
http://www.brucesilverstein.com/

Cristopher Boffoli @ Winston Wachter Fine Art

Cristopher Boffoli @ Winston Wachter Fine Art

Ironie in miniatura. Il consueto mondo lillipuziano di Cristopher Boffoli alla Winston Wachter Fine Art. La mostra è composta da miniature umane alle prese con cibi e bevande a dimensione reale. Il risultato è il solito sorriso scanzonato che provoca la visione delle opere dell’artista di Boston.
http://www.winstonwachter.com/

Art engaging gangs @ AC Institute

Art engaging gangs @ AC Institute

Vite da gang. Un’apprezzabile curatela di Holly Crawford all’AC Institute. Di scena, un group show di artisti dedicato al mondo delle gang americane. La mostra rappresenta i risultati finali piuttosto che le ragioni e le radici di vite povere e disadattate, prima che crude e violente.
http://artcurrents.org/

Faig Ahmed @ Leila Heller Gallery

Faig Ahmed @ Leila Heller Gallery

Trame non convenzionali. Twist e forme psichedeliche riempiono le pareti della Leila Heller Gallery. In esposizione gli ultimi lavori di Faig Ahmed, risultato di antichissime tecniche tradizionali al servizio dell’estro dell’artista azero.
http://www.leilahellergallery.com

Dimensions @ Louis B. James

Dimensions @ Louis B. James

Dimensioni di dimensioni. Alla Louis B. James gallery è ospite un progetto nato presso lo Studio Museum di Harlem, spazi che i tre artisti Titus KapharDemetrius Oliver eWardell Milan hanno condiviso grazie a una residenza nel 2006. La mostra è una collettiva dove l’arte prova a incontrarsi con la fisica quantistica e la matematica teorica. Consapevolezza dell’inafferrabile e vertigini quantiche sono le muse dichiarate di opere che oscillano fra il prosaico e il mistico, l’ideale e il materialista.
http://www.louisbjames.com/

The art of Rebellion @ Pavel Zoubok Gallery

The art of Rebellion @ Pavel Zoubok Gallery

C’era, una volta, qualcuno che diceva no. La ribellione come arte vissuta ai tempi del ’68 nel Lower East Side e per le strade di Hell’s Kitchen attraverso media urbani quali plastiche, stagnole e steli di ciniglia capaci di combinare icone religiose e sensibilità gay. Siamo alla Pavel Zoubok dove, se l’intenzione della mostra è un inno alla ribellione, il risultato è soltanto gioventù invecchiata e malinconie patetiche.
http://www.Pavelzoubok.com/node/

Regina Silveira @ Alexander Gray

Regina Silveira @ Alexander Gray

Gli eccessi di una vita mediocre. Le ombre di una vita senza rischi e densa di scelte moderate quanto borghesi alla Alexander Gray. Se piccoli sono gli oggetti reali rappresentati, sproporzionate sono le oscurità che questi producono. Apprezzabile e considerevole è il talento e la sensibilità di Regina Silveira. Grazie alle intuizioni estetiche dell’artista, guerre lontane e le loro nefande conseguenze giganteggiano sui benefici di cui si pasce con ignavia l’americano medio.
http://alexandergray.com/

Chrisa Biddy @Lyons Wier Gallery

Chrisa Biddy @Lyons Wier Gallery

Voyerismo su tela. Il realismo concettuale di Chrisa Biddy alla Lyons Wier Gallery. Le piccole tele esposte testimoniano con poca forza la moda adolescenziale di inviarsi scatti seminudi via telefono.
http://www.lyonswiergallery.com/

It's in the cards @ Miyako Yoshinaga

It’s in the cards @ Miyako Yoshinaga

Dentro le carte. Carte da gioco, tarocchi, figurine e gratta e vinci per un group show che esplora il valore visuale e informativo delle carte alla Miyako Yoshinaga. Una mostra che richiede un impegno cognitivo capace di tradurre i vari simbolismi e informazioni che contengono i media rappresentati per un risultato deboluccio dal punto di vista estetico quanto da quello concettuale.
http://miyakoyoshinaga.com/

Articolo pubblicato su Artribune.

Advertisements
This entry was posted in Artribune and tagged , , , . Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s