I Magnifici 9 New York. Dumbo Arts Festival

200mila visitatori, 3 giorni di festival, 400 artisti, 100 studio, 50 gallerie. Ecco i numeri dell’edizione 2013 del Dumbo Arts Festival. Attraverso Tumblr e Instagram chiunque ha potuto scegliere le opere preferite taggando #titolo e #DAF13. Di seguito i 9 lavori da noi selezionati.

 

Andrey Bartenev, Bubbles of Hope

Andrey Bartenev, Bubbles of Hope

Bolle di speranza. Una gioiosa processione colorata di uomini-bolle per l’artista russoAndrey Bartenev.
#bubblesofhope #daf13

 

Esmeralda Kosmatopoulos, Ceci est un cœur

Esmeralda Kosmatopoulos, Ceci est un cœur

Ceci est un cœur. Titolo francese per l’opera realizzata dal cuore greco di Esmeralda Kosmatopoulos.
#ceciestuncoeur #daf13

 

Ilya & Emilia Kabakov, The Ship of Tolerance

Ilya & Emilia Kabakov, The Ship of Tolerance

La nave della tolleranza. 150 dipinti realizzati da bambini delle scuole limitrofe compongono la vela dell’opera d’arte realizzata dal duo di artisti russi Ilya & Emilia Kabakov. Dopo aver attraccato nelle città dell’Havana e Sharjah, la nave soggiornerà alla Pace Gallery durante il mese di novembre.
#theshipoftolerance #daf13

 

Garam Lee, Sound of breathing

Garam Lee, Sound of breathing

Il suono del respiro. Un garage vuoto e dal soffitto altissimo ospita l’installazione site specific di Garam Lee.
#soundofbreathing #daf13

 

Shana Moulton, Morphing Essence Syndrome

Shana Moulton, Morphing Essence Syndrome

Morphing Essence Syndrome. Mutevoli alter ego di Shana Moulton ottenuti attraverso cinematici effetti speciali alla Smack Mellon.
#morphingessencesyndrome #daf13

 

Daisuke Kiyomiya, Macaroons

Daisuke Kiyomiya, Macaroons

Macaron. Semplice nel taglio e accesa nei colori è la scultura di Daisuke Kiyomiya. Un omaggio goloso alla multirazzialità di New York.
#macaron #daf13

 

Steven Dobbin, A lot of art is boring

Steven Dobbin, A lot of art is boring

Troppa arte annoia. Parola di Steven Dobbin, che presenta il suo ultimo solo show alla Causey Contemporary.
#alotofartisboring #daf13

 

Bryan Zanisink, Meadow lands picaresque

Bryan Zanisink, Meadow lands picaresque

Una picaresca famiglia. Installazione ottenuta mischiando materiali trovati nella propria casa d’infanzia ad altri presi da rigattieri di periferia oppure costruiti in studio. Una giungla salottiera, realizzata da Bryan Zanisink e ospitata alla Smack Mellon.
#meadowlandspicaresque #daf13

 

Kyle Goen, Who's Chelsea Manning

Kyle Goen, Who’s Chelsea Manning

Chi è Chelsea Manning? 1600 piccole bandiere, numero scelto in quanto corrispondente con il civico 1600 Pennsylvania della Casa Bianca. L’installazione diKyle Goen, che solleva in maniera intelligente una serie di interrogativi su chi fosse davvero Chelsea Manning, un ragazzo di venticinque anni capace di fornire informazioni segrete che hanno creato un dibattito di portata mondiale sulla libertà dei cittadini e per questo condannato a 35 anni di galera.
#whoschelseamanning #daf13

Alessandro Berni

dumboartsfestival.com

 

Articolo pubblicato su Artribune

Advertisements
This entry was posted in Artribune and tagged , , , , , , , , . Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s